friggitrice ad aria Philips AirfryerQuando si sente parlare la prima volta di friggitrici ad aria, si può pensare ad una presa in giro, ad una di quelle invenzioni mai realizzate, uscite magari da qualche laboratorio della NASA. In realtà esistono, si trovano allegramente sugli scaffali dei negozi o tra le offerte di Amazon e possiedono numerosi vantaggi rispetto alle friggitrici classiche ad olio. Il principio base di questi moderni elettrodomestici è rappresentato dalla ventilazione: in pratica funzionano come i forni ventilati, l’aria molto calda permette di friggere le portate rendendone la superficie croccante e dorata come avviene con le classiche friggitrici.
La quantità di olio da utilizzare è veramente esigua se confrontata con quella delle friggitrice elettrica tradizionali: si avrà bisogno, nella maggior parte dei casi, di circa un cucchiaio di olio o anche meno. La quantità di olio utilizzata varia ovviamente in funzione del modello e dei gusti personali ma in generale è possibile farne a meno sfruttando solo la temperatura elevata.
Le friggitrici ad aria sono state presentate al pubblico già intorno alla fine degli anni 2000 e sono entrate in commercio in maniera massiccia intorno al 2012. Dal punto di vista economico possiamo trovare friggitrici ad aria a partire dai 100 euro (nel corso di speciali offerte) per arrivare fino ai 300 euro e oltre, naturalmente per i modelli più evoluti.

Optional: cestello rotante e timer

Proprio i modelli più evoluti hanno un cestello rotante che permette di cuocere uniformemente patatine, carne, pesce o verdura o quant’altro si adatti alla frittura. Il cestello rotante rappresenta un’opzione prelevata direttamente delle classiche friggitrice elettriche tradizionali al fine di poter uniformare quanto più possibile il livello di frittura e quindi di cottura delle pietanze.
Altro optional utile è il timer che vi permette di impostare i tempi di cottura in funzione del tipo di alimento. Nella stragrande maggioranza dei casi, inoltre, insieme alla friggitrice, si può trovare un libretto di istruzioni dove sono indicati i tempi di cottura consigliati nei vari casi.

Vantaggi della friggitrice ad aria

Il vantaggio più importante di questo tipo di friggitrici è indubbiamente legato alla salute. Non utilizzando olio fritto, o quantomeno utilizzandone in minima quantità, assorbiremo meno colesterolo, con tutti i vantaggi che ne conseguono. Inoltre in tutte le diete equilibrate l’uso di eccessive quantità di olio, e a maggior ragione di olio fritto, è sconsigliato in quanto facilita l’accumulo di grassi.

Se consideriamo l’aspetto economico, non utilizzare molto olio vi permetterà di risparmiare un bel pò. È vero che è possibile utilizzare l’olio di semi per la frittura e che questo tipo di olio non è stato mai tradizionalmente costoso (anche se in questo periodo pure gli olii più economici, come quello di semi di girasole, tendono ad aumentare sempre più di prezzo), ma il risparmio si rivelerà, soprattutto a lungo andare, veramente sensibile, in particolare per chi preferisce di gran lunga il sapore dell’olio di oliva.

Sappiamo tutti che la frittura con olio riempe di cattivi odori la cucina e per togliere questo tanfo sarà necessario tenere aperte le finestre per un bella mezz’ora o più. Se d’estate questo non porta particolari problemi, d’inverno non è proprio piacevole rimanere per così tanto tempo all’addiaccio. Con la friggitrice ad aria, il problema è pressochè risolto: cattivi odori al minimo indispensabile e il gusto non ne risente.

Altra nota dolente, quando si parla di frittura, è la pulizia della pentola, specie se ci si è dimenticati di controllare e di girare la pietanza. In questi casi l’olio tende a surriscaldarsi e quindi a bruciarsi facendo attaccare l’alimento al fondo della pentola. Con santa pazienza ci si può mettere con la spugna a togliere l’olio e i vari residui anneriti. Anche questi problemi verranno accantonati utilizzando una friggitrice e se se ne sceglierà una con tecnologia ad aria, la pulizia dello stesso strumento diverrà ancora più semplice, efficace e in generale meno costosa in termini di utilizzo di detergenti detersivi.

E ora passiamo ad analizzare l’aspetto legato alla sicurezza. Alzi ora la mano chi, friggendo le patatine, non si è mai ustionato per colpa di una goccia d’olio bollente saltata fuori dalla padella o anche da quelle friggitrici elettriche e non ben protette in tal senso. Chiaramente risulterà molto più difficile incorrere in queste tipologie di rischio con una friggitrice ad aria.

Ultimo caratteristica molto positiva legata alla tecnologia ad aria è di sicuro la velocità di cottura visto che la friggitrice riscalda l’aria in pochissimi minuti mentre friggendo con una classica friggitrice elettrica si dovrà per forza di cose aspettare che l’olio diventi bollente e, si sa, l’olio non è aria e tende a surriscaldarsi molto più lentamente.

Video